Chlorine trifluoride

570.00980.00

COD: N/A
Avaibility : disponibili
Share:
ClF3
Molar mass 92.45 g·mol−1
Appearance Colorless gas or greenish-yellow liquid
Odor sweet, pungent, irritating, suffocating[2][3]
Density 3.779 g/L[4]
Melting point −76.34 °C (−105.41 °F; 196.81 K)[4]
Boiling point 11.75 °C (53.15 °F; 284.90 K)[4] (decomposes at 180 °C (356 °F; 453 K))
Exothermic hydrolysis[5]
Solubility Reacts with benzene, toluene, ether, alcohol, acetic acid, selenium tetrafluoride, nitric acid, sulfuric acid, alkali, hexane.[5] Soluble in CCl4 but can be explosive in high concentrations.
Vapor pressure 175 kPa
−26.5×10−6 cm3/mol[6]
Viscosity 91.82 μPa s
Structure
T-shaped
Thermochemistry[7]
63.9 J K−1 mol−1
281.6 J K−1 mol−1
−163.2 kJ mol−1
−123.0 kJ mol−1

Chlorine trifluoride – Acquista trifluoruro di cloro

Chlorine trifluoride – Il trifluoruro di cloro è un composto interalogeno con l’equazione ClF3. Questo gas lugubre, nocivo, distruttivo e incredibilmente ricettivo si raccoglie in un fluido giallo verdastro pallido, la struttura in cui viene spesso venduto (compresso a temperatura ambiente). La costruzione è fondamentalmente interessante come parte dei riempimenti di razzi, nella pulizia senza plasma e nelle attività di trafilatura nell’industria dei semiconduttori, [9] [10] nella manipolazione del combustibile per reattori atomici e altre attività meccaniche.

Chlorine trifluoride – Applicazioni

Industria dei semiconduttori

Nel settore dei semiconduttori, il trifluoruro di cloro viene utilizzato per pulire le camere di affidavit dei fumi di sostanze. Ha il vantaggio che può essere utilizzato molto bene per eliminare il materiale semiconduttore dai divisori della camera senza la necessità di distruggere la camera. Niente affatto come gran parte delle sostanze sintetiche elettive utilizzate in questo lavoro, non dovrebbe essere emanata dall’utilizzo del plasma poiché il calore della camera è sufficiente a provocarne il deterioramento e rispondere con il materiale semiconduttore.

Forza missilistica

Il trifluoruro di cloro è stato studiato come ossidante immagazzinabile superiore nelle strutture di carica dei razzi. La cura delle preoccupazioni, tuttavia, limita seriamente il suo utilizzo. John Drury Clark ha riassunto le sfide:

Ovviamente è incredibilmente dannoso, ma questo è l’ultimo dei problemi. È ipergolico con ogni carburante noto, quindi rapidamente ipergolico che non è stato stimato alcun ritardo di avvio in alcun punto. È inoltre ipergolico con tante cose come materiali, legno e ingegneri di collaudo, anche amianto, sabbia e acqua, con cui risponde pericolosamente. Può benissimo essere conservato in una porzione dei normali metalli sottostanti – acciaio, rame, alluminio e così via – come risultato della disposizione di una delicata pellicola di fluoruro metallico insolubile che assicura la maggior parte del metallo, in modo simile al strato impercettibile di ossido sull’alluminio impedisce che si rovini nel clima. Supponendo, in ogni caso, che questo mantello sia liquefatto o ripulito e non abbia la possibilità di cambiarsi, l’amministratore deve affrontare il problema dell’adattamento a un incendio metallo-fluoro. Per gestire la situazione attuale, ho costantemente suggerito un paio di scarpe da corsa decenti.

La divulgazione del pentafluoruro di cloro ha fornito ClF3 vecchio come potenziale ossidante di carburante per missili, ma era allo stesso modo o considerevolmente più pericoloso da produrre, immagazzinare e utilizzare. Nessuno dei composti è stato utilizzato in alcun quadro di propulsione a razzo di autorità.

Applicazioni militari proposte

Sotto il nome in codice N-Stoff (“sostanza N”), il trifluoruro di cloro è stato studiato per applicazioni militari dall’Istituto Kaiser Wilhelm nella Germania nazista non molto prima dell’inizio della seconda guerra mondiale. Sono stati effettuati test su modelli delle roccaforti della linea Maginot, e si è scoperto che si trattava di un’arma combustibile combinata avvincente e di una sostanza tossica gas. Dal 1938, iniziò lo sviluppo di un impianto di trasformazione di armi di 14.000 m2, completamente sotterraneo, bunkerato a metà, il moderno complesso di Falkenhagen, che si proponeva di creare 90 tonnellate di N-Stoff ogni mese, oltre al sarin. Tuttavia, quando fu catturato dall’Armata Rossa nel 1945, l’impianto di produzione aveva creato semplicemente da 30 a 50 tonnellate, a una spesa di oltre 100 Reichsmark tedeschi per chilogrammo. N-Stoff non è mai stato utilizzato in guerra.

Per ulteriori dati sulla prescrizione, fare clic qui

Per ulteriori informazioni sui nostri articoli, fare clic qui

 

 

quantity in tons

1, 2

There are no reviews yet.

Be the first to review “Chlorine trifluoride”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.